giovedì 19 marzo 2020

E intanto la primavera sta arrivando ...

Buongiorno a tutti, 
abbiamo sicuramente passato giorni migliori, e una cosa del genere non la scorderemo più anche perchè inevitabilmente cambierà il mondo intero come ha già fatto con ognuno di noi...
Questo sicuramente non è un periodo facile ... per tutta Italia e in particolar modo per noi lombardi che stiamo vivendo un vero dramma davanti al quale percepiamo tutta la nostra inadeguatezza.
Vivo a un passo da Bergamo ...città colpita duramente dove il numero di morti sale ogni minuto.
Conosco persone che hanno perso i loro cari e nel mio piccolo paesino vicino a Lecco vivo la drammaticità dei casi di contagio, dei ricoveri, delle morti.
Restare chiusi in casa , vedersi limitare le proprie libertà, avere paura del contagio e vedere attorno a te persone che vengono colpite da questa malattia e che purtroppo non ce la fanno è pesante indipendentemente dall'età che si ha, dal ruolo che si riveste, dalla persona che si è.

Per quanto mi piaccia restare a casa, occuparmi della famiglia, dedicarmi ai miei hobbies ...in questi giorni sento forte il peso di questa prova a cui tutti, nostro malgrado, siamo stati sottoposti ...
La mia casa non è mai stata così pulita e disinfettata come ora.
Puzzo perennemente di candeggina, di disinfettante, ...
Fare ordine, pulire, eliminare il superfluo, le cose che non si usano più ...queste le attività di queste settimane.
E nel frattempo la primavera bussa alle nostre finestre regalandoci giornate di cieli azzurri, di temperature miti, di primi fiori che sbocciano in giardino, di uccellini sugli alberi che cantano allegramente quasi a voler contrastare il silenzio delle nostre strade.
Il sole illumina i nostri ambienti, le stanze in cui ci dedichiamo a tutto quello per cui non avevamo mai tempo...fino a poche settimane fa.
E questo è un bene ...se ci pensate è una splendida opportunità che ci viene data, anzi imposta, per far pace col nostro modo di vivere che per alcuni aspetti proprio non andava bene ...

Di annoiarmi non mi capita ...neppure da segregata in casa.
Adoro stare in casa e ho la fortuna di abitare in una casa con giardino ...quindi il tempo si può passare anche fuori , a contatto con la natura che si sta risvegliando dopo un inverno in realtà molto mite.
Ieri pulizia balcone con relativi vasi di fiori che da quando vivo qui in montagna ...non era mai successo sopravvivessero all'inverno.
Sono tutti vivi e pieni di nuove foglioline ... speriamo che questo sia un segno di buon auspicio per una rinascita dopo questo periodo nero.

Indubbiamente un'altra attività che prediligo tantissimo è lo stare in cucina.
Il cucito l'ho messo un attimo in stand by ...mi manca la vena creativa ...anche se creare è un'ottima arma per combattere l'ansia e la paura...ma da questo punto di vista sono un pò scarica.

Dicevo del mio stare in cucina.
Per prima cosa ho dato una pulita di fino e generale al locale ...mi sono ritrasferita dalla taverna dove per tradizione e comodità trascorriamo l'inverno.
Ormai le giornate si sono fatte più lunghe e allora sicuramente meglio vivere in locali baciati dal sole.
Pulizia e riorganizzazione che sono arrivate dopo dei lavori fatti per abbellire ulteriormente il locale che amo in assoluto della mia casa ...e sto parlando della boiserie in legno che abbiamo messo in sostituzione della carta da parati che ormai si era rovinata.
Legno dipinto di bianco panna , adesso devo solo capire se colorare lievemente la parete sopra la pannellatura per dare un minimo di contrasto ....

Qui circondata da tutto ciò che mi serve ...cucino cucino e cucino ...
Rispettando sempre le regole della dieta che sto seguendo seguita dalla dietologa , cerco di ottimizzare la spesa che faccio uscendo solo una volta a settimana e dando la possibilità a tutto il resto della famiglia di godere dei momenti dedicati ai pasti ...gli unici che passiamo tutti insieme anche se distanti.
Distanti sì perchè Gianni continua a lavorare e per garantirci una certa sicurezza abbiamo deciso di rispettare anche in casa le regole di questo periodo, sedie a un metro di distanza anche a tavola, niente baci e abbracci, ognuno ha la sua stanza per dormire ....
Restare distanti è dura quindi provo con i miei manicaretti ... a far passare loro un pò di tristezza che inevitabilmente a volta ci assale.


Ho anche iniziato a raccogliere le mie ricette nel quadernino intitolato "Le ricette di mamma Paola", come mi chiamano le amiche delle mie figlie, ... così da poterle tramandare come hanno fatto la mia nonna e la mia mamma ...magari con un pò più di ordine dato la quantità di tempo a mia disposizione!

Questa mattina ho quindi infornato gli impasti per il pane che ho preparato ieri.
Sì perchè se c'è una cosa che ho imparato è appunto la pazienza che bisogna avere per compiere tutti i passi necessari per arrivare a sfornare dell'ottimo pane fatto in casa.

Ieri ho fatto tre impasti per tre tipi di pane differenti.
Uno classico bianco, uno bianco ma con l'aggiunta di semi vari e noci e uno alla curcuma ...


Alla fine del post troverete la ricetta che seguo, anche se come mio solito modifico e vario ogni volta ....perchè amo sperimentare e provare abbinamenti sempre differenti.



E dopo 55 minuti di cottura in forno ...ecco il risultato ...


Peccato non potervi far sentire la fragranza delle pagnotte e soprattutto il profumo che hanno sprigionato in tutta casa ...



Tagliato tutto a fette l'ho già riposto in congelatore ...così per qualche giorno siamo a posto.
Che dite, volete la ricetta?
Vi accontento subito invitandovi a provare perchè è davvero una pratica che da grosse soddisfazioni.

OCCORRENTE:

120 gr. di li.co.li (lievito madre liquido già rinfrescato)
260 gr. di acqua a temperatura ambiente
8 gr. di sale
400 gr. di farina 00 forte

PROCEDIMENTO:

Sciogliere il lievito madre già rinfrescato e lasciato a riposo per due/tre ore nell'acqua e agitare con una forchetta.
Aggiungere la farina e il sale e sempre con la forchetta amalgamare gli ingredienti lasciando l'impasto nella ciotola.
Quando si sarà amalgamato tutto bene lasciare riposare una mezz'ora e poi procedere con le pieghe in ciotola.
Ogni 30 minuti per tre volte prendere l'impasto dall'esterno e portarlo verso il centro girando la ciotola e completando il giro dell'intero impasto.
Dopo la terza piega coprire e lasciare lievitare fino al raddoppio del volume iniziale (ci vorranno tre/quattro ore).
A questo punto mettere della farina sul tagliere, rovesciare l'impasto e stendere l'impasto formando un quadrato. Prendere la pasta degli angoli e portarla al centro per due volte. Girare l'impasto e pirlarlo fino ad ottenere una palla di pasta. (vi consiglio di guardare dei video su internet cercando pieghe impasto pane).
Prendere un cestino di lievitazione o una semplice ciotola rivestita da un canovaccio di cotone spolverato con della farina, mettere l'impasto con la chiusura verso l'alto coprire e inserire il tutto in un sacchetto di plastica.
Riporre la ciotola in frigorifero per 8/12 ore.
Trascorso questo tempo accendere il forno a 250° modalità statica e mettere sul fondo del forno un pentolino di acqua per avere la giusta umidità.
Quando il forno è arrivato in temperatura  mettere sulla teglia calda l'impasto rovesciato su un pezzo di carta da forno.
Fare un'incisione sulla superficie della pagnotta e infornare cuocendo a cascata.
30 minuti a 250 °
15 minuti a 230° togliendo il pentolino dell'acqua e mettendo il forno in modalità ventilata
10 minuti a 200° con lo sportello socchiuso.
Per la cottura fate delle prove in base al vostro forno.

Lasciar raffreddare (se ci riuscite ...) prima di servire tagliato a fette.


Bene! Spero di aver fatto cosa gradita nell'avervi lasciato questa ricetta che poi può essere variata cambiando la farina, usando le integrali, mettendo semi e spezie ....
Io mi diverto molto, mangio sano e imparo sempre cose nuove ...
Se vi va fatemi sapere se avete provato anche voi a fare il pane in casa ...soprattutto in questi giorni in cui siamo reclusi.

La prossima volta vi mostrerò invece qualche lavoro di cucito ...sperando di recuperare la mia voglia di fare che è un pò latitante.
Un abbraccio virtuale a tutti ...nell'attesa di tornare alla normalità!
Paola

P.S.
Come ho già detto su instagram faccio ancor più fatica del solito a sopportare polemiche e cattiverie varie amplificate dall'uso smodato dei social in questi giorni.
Farò pulizia anche tra i miei contatti , che volutamente non chiamo amicizie, perchè in certi momenti si capisce l'importanza della parola Amicizia che non ha nulla a che fare con il numero di followers che ci ritroviamo sulle nostre bacheche virtuali.
Rispetto l'opinione di tutti, ma non intendo più accettare frasi, messaggi e cattiverie , polemiche e posizioni opposte alle mie diffuse in modo violento...
Voglio circondarmi solo del meglio e del bello che la vita possa offrire, rivalutando valori che se non sono condivisi , non devono portarmi ad avere scontri con persone con cui non voglio avere nulla da spartire.
Periodo di pulizie in casa e nelle conoscenze!...era giusto avvisarvi
A presto ...

1 commento:

Marta ha detto...

Il profumo del pane lo immagino e sento fino a qui. Brava hai fatto tre pagnotte una diversa dall'altra. Un abbraccio grande.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...