giovedì 24 marzo 2011

Continuiamo con i ricordi ......

Eccomi qui!
Dopo i miei lavori di pittura su ceramica, oggi vi mostro l'altra mia passione che per tanti anni mi ha visto creare e modellare mille soggetti differenti!
Non è pasta di sale bensì ...pasta di pane che ha la caratteristica di resistere all'umidità nemica acerrima della pasta di sale!
La ricetta base l'avevo scovata su un giornale di hobbistica ...non ricordo più quale,  ma poi con il passare del tempo l'ho perfezionata secondo i miei gusti e sono riuscita ad ottenere un impasto che permette di modellare finemente persino i petali di rosa quasi come fosse porcellana.
Una volta asciutta la si decora con gli acquerelli ... che permettono di ottenere dei toni tenui e di fare delle ottime sfumature.
E per ultimo una mano di vernice trasparente opaca o lucida a seconda del lavoro.

Gli ingredienti per l'impasto sono:
- Pan carrè privato della crosta  (1 pacchetto intero) tritato in un mixer fino a ridurlo a farina
- Colla vinilica (4 cucchiai)
- Glicerina (2 cucchiai)
- Polvere di ceramica (2 cucchiai)
- Acqua se l'impasto lo richiede (dipende dall'umidità della giornata).

Ed ora ecco qualche esempio della mia pasta di pane.

Questa è una targhetta che ho appeso in cucina ...sono ormai anni che l'ho fatta ...ma è ancora come nuova!





Lo stesso tipo di ghirlanda l'ho anche appeso all'interno di quadretti con cornice in legno anticato cambiando la scritta che può  indicare il nome della famiglia padrona di casa, il nome del bimbo o bimba proprietario della cameretta ecc.

Per la comunione di mia figlia Silvia invece avevo realizzato queste bamboline con i simboli del sacramento dell'eucarestia


e in altre occasioni altre bamboline di cui però mi è rimasta solo questa





Adesso che ho incontrato sulla mia strada l'arte del cucito creativo vorrei provare ad abbinare qualche rosa  o altro soggetto in pasta di pane a dei cuori da appendere ...magari alle maniglie delle finestre o alle chivi delle porte o degli armadi. Mah! E' un'idea che mi è venuta adesso riguardando i miei lavori passati...chissà magari il mix funziona.
Ho talmente tante idee da provare a realizzare che ...il giorno dovrebbe essere di 48 ore.
Vedremo cosa riuscirò a fare.
Un saluto dal mio angolo dei ricordi...
Un bacio
Paola

5 commenti:

Cinzia ha detto...

Ciao! Ho sentito parlare di questa pasta, ma nn l'ho mai provata...purtroppo da noi, quella di sale nn resiste, nemmeno con tanto flatting, troppa umidità...
Sei molto brava.
Cinzia

daniela ha detto...

Una delizia che brava grazie per la" ricetta" provo a farla poi ti dico
Ciao
Daniela

Maria Antonietta ha detto...

Ciao Paola qualche giorno fa ho provato a fare per la prima volta la pasta di sale: UN DISASTRO, forse è meglio la pasta di pane come dici tu. Credo che la proverò. Baci e buona giornata

✂♥ laura♥ ✂ ha detto...

io e pasta di sale e fimo o qualsiasi altra cosa che sia da modellare nn andiamo assolutamente d'accordo..invece i miei occhi vedono che hai moltissima manulaita'...mi sa che sei un artista a 360 gradi..nn a 45 come me....io nn vado piu' in la' del cucito e breve sprazzo di ricamo....
comunque leggevo della voglia di fare..ci passiamo tutte..come si apre il blog si apre un mondo e si vorrebbe poter fare di tutto..poi pian piano passa anche perche' nel frattempo davvero avrai fatto di tutto che nn saprai piu' dove mettere le cose
buon fine settimana
a presto laura

ROSARITA ha detto...

HAI DELLE MANI SPECIALI E UNA FANTASIA BELLISSIMA.CIAO

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...